Coppia scomparsa a Bolzano: trovati anche gli scarponi da trekking di Peter Neumair

1' di lettura 08/02/2021 - Oltre al ritrovamento del corpo di Laura Perselli, un nuovo fatto conferma l’ipotesi che il cadavere del marito sia anch'esso nelle acque dell’Adige: sono stati ritrovati infatti gli scarponi di Peter Neumair.

Nel frattempo, a causa delle avverse condizioni meteorologiche, le operazioni dei vigili del fuoco e delle altre forze impegnate nelle ricerche sono state sospese. Riprenderanno martedì 9 febbraio.

Sabato 6 febbraio, in un'ansa del fiume Adige, in località Laghetti di Egna, era stato ritrovato il corpo di Laura Perselli, l’insegnante scomparsa insieme al marito Peter Neumair, lo scorso 4 gennaio, dalla loro abitazione in via Castel Roncolo, sita in un quartiere "nobile" di Bolzano.

Questa la nota della Procura sul ritrovamento del corpo della Perselli: "I familiari hanno riconosciuto alcuni effetti personali rinvenuti come appartenenti a Laura Perselli. Nelle prossime ore verrà effettuato l’esame del Dna per avere un riscontro scientifico dell’identità della salma. Per accertare l’esatta causa della morte verrà anche effettuata l’autopsia. Ulteriori informazioni verranno date all’esito dell’esame autoptico".

Per la scomparsa e il presunto omicidio dei due coniugi, era stato arrestato il figlio Benno, 30enne, accusato di omicidio colposo e occultamento di cadavere. “Mia mamma non c'è più, ma non sono stato io“, questo avrebbe detto l'uomo quando è stato messo al corrente del ritrovamento del cadavere della madre.

Intanto, sono stati ritrovati gli scarponcini da trekking lungo il corso del fiume Adige. Fonti vicine alla famiglia dei due coniugi scomparsi avrebbero confermato che si tratta proprio degli scarponcini di Peter Neumair.

L’ipotesi degli inquirenti è che Benno abbia avvelenato i genitori la notte del 4 gennaio scorso e poi si sia disfatto dei loro corpi, gettandoli nel fiume Adige.






Questo è un articolo pubblicato il 08-02-2021 alle 12:16 sul giornale del 09 febbraio 2021 - 123 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, milano, lombardia, articolo, Antonello Staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bM19